Cape Robbin Womens Mini 10 Stivaletti A Punta Tonda In Camoscio Vegan Elasticizzato Color Nero

B01LXQLNWL
Cape Robbin Womens Mini - 10 Stivaletti A Punta Tonda In Camoscio Vegan Elasticizzato Color Nero
  • scarpe
  • il tallone misura circa 4 pollici
  • il modello è una taglia 7, e una taglia 7 si adatta perfettamente a lei.
  • altezza dello stivale: circa 28 pollici
  • altezza del tacco: circa 4 pollici
  • circonferenza ingresso avvio: circa 16 pollici
Cape Robbin Womens Mini - 10 Stivaletti A Punta Tonda In Camoscio Vegan Elasticizzato Color Nero Cape Robbin Womens Mini - 10 Stivaletti A Punta Tonda In Camoscio Vegan Elasticizzato Color Nero Cape Robbin Womens Mini - 10 Stivaletti A Punta Tonda In Camoscio Vegan Elasticizzato Color Nero Cape Robbin Womens Mini - 10 Stivaletti A Punta Tonda In Camoscio Vegan Elasticizzato Color Nero Cape Robbin Womens Mini - 10 Stivaletti A Punta Tonda In Camoscio Vegan Elasticizzato Color Nero
Carrello 0 Prodotto Prodotti (vuoto)

Nessun prodotto

Da determinare Spedizione
0,00 € Tasse
0,00 € Totale

Pagamento

Prodotto aggiunto al tuo carrello
Quantità
Totale
Ci sono 0 articoli nel tuo carrello. Il tuo carrello contiene un oggetto.
Totale prodotti
Totale spedizione Da determinare
Tasse 0,00 €
Totale
Continua lo shopping Procedi con il checkout
Menù

Ma su questo argomento, più tecnico, penso che sia meglio lasciare la parola al coach Gabriele Torcianti che ci spiegherà l’obiettivo di questo metodo di allenamento.

lasciare la parola al coach

Come abbiamo visto nel precedente post “ Diviana Jalila39 Sandali Infradito Da Donna Bianchi
“, la potenza lipidica è un fattore fondamentale per l’endurance .

Dato che il nostro organismo può immagazzinare solo circa 2.000 kCal di glicogeno , per sostenere uno sforzo prolungato come una gara di Ironman 70.3 (della durata di circa 6 ore), il nostro organismo deve imparare a trasformarei grassi inenergia.

solo circa 2.000 kCal di glicogeno imparare a trasformarei grassi inenergia.

Come dicevamo poco fa,negli sforzi ad alta intensità il corpo utilizza il glicogenoper alimentarei muscoli. Pertanto, una volta finita la scorta di zuccheri , ol’organismo è in grado di trasformare i grassi, oppure le prestazioni crollano per mancanza di energia.

finita la scorta di zuccheri le prestazioni crollano

Dato chela disponibilità alimentare e la scarsa abitudine a sforzi prolungati ci hanno abituati ad avere sempre a disposizione una quantità più che sufficiente di glicogeno, il nostro organismo a “disimparato” a trasformare i grassi in energia.

il nostro organismo a “disimparato”

Come dicevamo nel precedente post, la“ potenza lipidica ” (ovvero la capacità di utilizzare i grassi per produrre energia) deve essereallenata con opportuni allenamenti.

Il regressivo è proprio uno di questi allenamenti: la prima parte di attività ad alta intensità consuma rapidamente una buona parte del glicogeno a disposizione, in modo tale che la seconda parte dell’allenamento si svolga in una condizione chiamata di “ deplezione di glicogeno “, ovvero in una situazione di scarsità di zuccheri.

regressivo deplezione di glicogeno

Naturalmente, queste distanze molto brevi non sono sufficienti a consumare tutta la scorta di circa 2.000 kCal di zuccheri, ma è un primo contatto con questo tipo di esercizio.

Più avanti nella fase di preparazione della gara di Ironman 70.3, introdurremo altri tipi di allenamenti , più impegnativi, finalizzati all’allenamento della potenza lipidica: altre varianti del regressivo, come:

By Getty Images. Strategy, Insights Visual Trends. For your Business.
Issues
Tags
Languages

Main Image Detail 105472852 / SIOBHAN CONNALLY / FLICKR SELECT

Main Image Detail
La creatività è diventata più democratica. Gli smartphone ci consentono di realizzare filmati in alta definizione a costi contenuti e i social network offrono la piattaforma per renderli immediatamente accessibili a un pubblico globale.

Oggi, chiunque può diventare un regista e raccontare storie in tempo reale. Migliaia di ore di filmati raccontati dal punto di vista degli utenti vengono caricate ogni giorno su YouTube, Vine e Instagram. Ciò che rende questi video in soggettiva così interessanti è la loro tecnica originale e senza filtri che ci catapulta direttamente all'interno dell'azione.

La leadership dei brand comincia a capire che i consumatori creativi ed esperti vogliono storie in prima persona. È più facile identificarsi con questo stile di storytelling poiché ha un tono personale e, se fatto bene, stimola imitazione e partecipazione. Uno dei modi in cui i brand sfruttano questo nuovo trend video è quello di usare primi piani audaci, riprese a mano libera e carrellate concepite da punti di vista unici e solitamente inaccessibili.

Ecco tre esempi di brand che si sono contraddistinti per aver saputo sfruttare al meglio le tecniche di storytelling del brand da un punto di vista umano.

Il burro danese Lurpak ha attirato l'attenzione con la campagna "Good Food Deserves Lurpak", che celebra il piacere di cucinare con ingredienti di qualità.

Lurpak

Il suo spot pubblicitario più recente, Weave Your Magic, ha vinto un Leone d'argento a Cannes per la cinematografia intima e dinamica con cui racconta la cucina a base di burro. Usando un supporto con una telecamera fissata all'estremità per le riprese in movimento ad alta velocità, un misto di slow-motion e fotografia macro time lapse, i realizzatori dello spot hanno trasformato la preparazione di un pasto quotidiano in un evento grandioso. Dal tuorlo dell'uovo che gira nel vortice della chiara, al cubetto di burro che si tuffa in una montagna di farina, queste immagini scatenano il piacere primordiale che nasce dalla combinazione e dall'esplosione degli ingredienti.

Privacy

© 2018 Competitoor - Ecommerce Intelligence and Competitive Benchmarking

Dispell Magic LTD VAT204492919